Menu & Search

A furia di cercare l’esorcibo, siamo scivolati nell’era di homo dieteticus – Il Mattino

7 Ottobre 2016

In prima pagina sul quotidiano Il Mattino ho presentato la mia lezione di domani che terrò alle 12:15 a Napoli nel cortile d’onore di Palazzo Reale in occasione di Futuro Remoto.

Mangio dunque sono? Era vero una volta, quando si diceva che siamo quello che mangiamo. Ora è vero il contrario. Siamo quello che non mangiamo. Vegetariani, vegani, macrobiotici, lattofobi, crudisti, sushisti, naturisti, no gluten, carnivori, fruttivori, localivori. Tutto fuorché onnivori. Ormai i cittadini globali si dividono in tribù alimentari. Ciascuna si identifica nelle sue passioni e ossessioni, totem e tabù. Tofu contro carne, soya contro uova, quinoa contro grano, crudo contro cotto. Insomma, se il cibo è il pensiero dominante del nostro tempo, la dieta ha smesso di essere una misura di benessere per diventare una condizione dell’essere. Come dire che se una volta eravamo noi a fare la nostra dieta adesso è la nostra dieta a fare noi. È diventata una pratica fisica, ma anche morale, che riguarda salute e salvezza, corpo e anima. Una forma di fede alimentare. Una religione senza dio. Fatta di rinunce spontanee. Penitenze laiche. Sacrifici che hanno a che fare più con la coscienza che con la bilancia. Fioretti secolarizzati di una civiltà che considera la depurazione del corpo alla stregua di un drenaggio dell’anima. E fa cortocircuitare fibra alimentare e fibra morale. Col risultato di espellere dalla tavola la dimensione del piacere, dello scambio, della condivisione, dell’ospitalità. Una mutazione antropologica che è sotto gli occhi di tutti. Tanto che quando si invitano a cena gli amici bisogna aprire un file excel per incrociare allergie, idiosincrasie e manie di ciascuno. E per riuscire a trovare un menù che vada bene a tutti. Siamo tutti alla ricerca dell’alimento ideale, che ci rimetta in pace con noi stessi. Tutti alla ricerca del regime salvifico. Finendo, più o meno consapevolmente, per trasformare il cibo in un’arma di quella crociata che il nostro corpo conduce contro se stesso e contro i nemici che attentano alla sua perfezione immunitaria. Col risultato di eliminare tutti gli alimenti individuati come pericolosi, riducendo la dieta a pochissimi nutrienti, spesso con grave danno per la salute. Ci troviamo di fronte a una medicalizzazione del cibo che ha delle pericolose ricadute sociali. Prima perché rischia di far fuori secoli di buone abitudini alimentari per obbedire a diktat dietetici per lo più di origine anglosassone e dunque estranei alle nostre tradizioni, vocazioni e produzioni gastronomiche. Con grave danno per il Made in Italy e in generale per le nostre eccellenze agroalimentari. Oltretutto, l’adesione integralista e inconsulta a questo o a quel credo alimentare è spesso causa di disgregazione sociale, di liti familiari e di separazioni. È il caso dell’ortoressia, la sindrome dell’appetito corretto, che consiste nell’eliminazione progressiva di tutti i cibi ritenuti killer. Questa ossessione alimentare negli Stati Uniti è ormai tra le prime cause di divorzio. E, proprio come in Hungry Hearts, il drammatico film di Saverio Costanzo che racconta la distruzione di una famiglia a causa dell’integralismo dietetico di una madre, le coppie finiscono spesso davanti al giudice per decidere come alimentare i propri figli. Insomma, abbiamo trasformato la ricerca del modello alimentare virtuoso nella nuova religione globale, mixando fioretti laici e ascetismi calorici. Etica e dietetica. Dio e bio. Ecco perché siamo tutti alla ricerca dell’alimento salvavita, del toccasana alimentare per mettere a tacere la bilancia e la coscienza, per far quadrare il cerchio fra il peccato e il carboidrato. Così a furia di cercare l’esorcibo, siamo scivolati nell’era di homo dieteticus.

 

 

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search