Menu & Search

Chef-Tv ultimo atto – D la Repubblica

17 Dicembre 2016

Basta con i cuochi fatui. La gente comincia a non poterne più di cibo parlato, fotografato, filmato, postato. Pornografato. Comincia a essere stufa del foodtainment, l’intrattenimento culinario dei vari Master Chef e altri spignattamenti catodici. Insomma, si sta sgonfiando la bolla gastronomica che ha trasformato i grandi artigiani della cucina in icone mediatiche, maître à penser, master & commander dei nostri gusti e disgusti. Una parabola che ricorda quel che è accaduto negli anni Ottanta, quando i sarti furono a loro volta trasformati in stilisti, poi in artisti e infine in opinion leader. E oggi non se li fila più nessuno.

La prima responsabile di questa deriva gastromaniaca è la tv che, negli ultimi anni, è diventata tutta una prova del cuoco, una lotta al coltello tra concorrenti che non fanno altro che spadellare, scodellare, setacciare, marinare, strapazzare, stemperare, grigliare, sobbollire, farcire, guarnire. E impiattare! Così il piccolo schermo ha fatto da cartina di tornasole, ma anche da detonatore, della trasformazione del cibo in una sorta di pensiero unico. Passione e ossessione, sfizio e vizio, cultura e paura. Tanta paura!

Anche perché i palinsesti sono assolutamente ciclotimici, bipolari come dottor Jekyll e Mr. Hyde. Di giorno ci seducono, di notte ci terrorizzano.  Nella fascia mattutina impazzano programmi che ci insegnano a cucinare, a desiderare, a degustare. In seconda serata, in coda ai talk show, nutrizionisti improbabili evocano incubi allergenici e fantasmi epidemici, come latte e glutine. E scagliano “fatwe” salutiste, nella maggior parte dei casi senza fondamento scientiico.  Si reggono semplicemente sull’analfabetismo di chi le lancia e la buona fede di chi ci crede.

A questa idea allucinogena dell’alimentazione, un po’ cheap un po’ chic, un po’ etica un po’ dietetica, fa riscontro un calo quantitativo e qualitativo della spesa alimentare, tornata ai livelli di 25 anni fa. Lo testimonia una recentissima ricerca Censis, intitolata Gli italiani a tavola.

Tornano le differenze di ceto, da cui emerge che la lista della spesa si accorcia drasticamente. Consumi in calo del 12,2% e nelle famiglie più povere addirittura del 28%. Mangiamo tutti meno, chi ha un reddito basso peggio. Meno frutta e verdura, pesce e pasta. E meno carne rossa. Su bistecca e costolette pesano l’anatema vegetariano e vegano e, in più, l’incauta sparata dell’Oms di un anno fa, che ha spaventato oltremisura i consumatori. Come dire che i ricchi mangiano meno carne per ragioni salutari, morali e ambientali, mentre i poveri ci rinunciano per ragioni di budget. Insomma, da una parte il vorrei ma non posso, dall’altra il potrei ma non voglio.

I ricercatori del Censis hanno definito questa forbice Food social gap: se gli Italiani si sono messi a dieta, i nutrizionisti non c’entrano. È stata la crisi a far stringere la cinghia. In questo scenario non c’è più posto per la fiera delle vanità gastronomiche, la spending review ci costringe a far quadrare i conti e ci induce ad abiurare i falsi dèi del glam food.

Il rimedio più efficace contro questa cibomania degenerativa è la valorizzazione dei veri protagonisti della nostra gastronomia: i produttori di cibo buono e sano, i cuochi che hanno resistito alle lusinghe del format. Gente che in quel che fa ci mette la faccia e non l’immagine. Non personaggi ma persone.

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search