Menu & Search

Il popolo francese fa le rivoluzioni (anche in famiglia) – il Venerdì di Repubblica

5 Maggio 2017

In Francia la famiglia si è messa en marche!. E mostra di essere al passo con i tempi e le sensibilità che cambiano.
In questi giorni la politica e la società transalpine ci hanno offerto due esempi di questa civilissima apertura al futuro. Il primo viene dalla storia d’amore tra Emmanuel Macron e Brigitte Trogneux, ventiquattro anni più di lui e oltretutto sua ex insegnante.
Un amore scoppiato quando Emmanuel era ancora minorenne. Un doppio schiaffo all’icona familista che domina l’immaginario mediatico. E che ha sempre meno rispondenza nella vita reale di milioni di coppie.
L’altro esempio è quello di Etienne Cardiles, il compagno di Xavier Jugelé, l’agente trucidato sugli Champs Elysées lo scorso 20 maggio.
La Repubblica francese ha chiamato a commemorare il poliziotto non la madre o i fratelli, ma lui, il suo partner. Cioè
l’uomo con cui Xavier aveva scelto di dividere la sua esistenza, alla faccia del bigottismo agropastorale purtroppo ancora tanto diffuso. E il discorso di Etienne è stato una lezione di civiltà. Il suo «ti amo», pronunciato durante la cerimonia alla presenza delle autorità e davanti alle telecamere di mezzo mondo, è stato un gesto rivoluzionario.
Tipico di un Paese che, come mostra la storia, alle rivoluzioni ci crede e le fa. Nel pubblico come nel privato. Perché a metterle in moto sono i cittadini. Con il coraggio delle idee, con le loro condotte quotidiane. Credendo davvero e non solo a parole, che la famiglia è un bene comune, non una mummia imbalsamata nei secoli dei secoli. E che la sua ragion d’essere è semplicemente l’amore.

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search