Menu & Search

Tra luci e rumori non riusciamo ad ascoltarci – la Repubblica

6 Maggio 2017

La vera musica è il silenzio, diceva Miles Davis, le note gli fanno solo da cornice. Oggi il quadro è stato rubato ed è rimasta solo la cornice. Rumore e fragore, suono e frastuono, trilli e strilli. Un tessuto di frequenze in libertà che si accavallano, si coprono, si annullano, si sovrappongono.
La nostra esistenza è tutta jingle, crash, boom, drin, voci sparate a tutto volume. Un big bang a tempo indeterminato, attivo anche di notte. Che una volta era il tempo della quiete, il regno silente della poesia, del raccoglimento e del riposo. Mentre adesso è costellata di sonorità intermittenti, di segnali ricorrenti, di richiami uditivi.
È il mormorio digitale. Il canto notturno dei nostri strumenti elettronici che manifestano la loro presenza. Questo ron ron virtuale è il verso animale del nostro tempo, il suo rumore di fondo. Croce e device. Una ninnananna a bocca chiusa che ci rassicura e ci fa dormire sonni tranquilli. Perché allontana lo spettro del silenzio. Che ormai ci sgomenta con il suo vuoto, diventato insopportabile. Perché è come un bianco dell’anima che ci lascia soli con i nostri pensieri. E ci costringe a prendere atto che non riusciamo a sopportare la compagnia di noi stessi. Che non sappiamo cosa dirci.
Ecco perché nascondiamo la testa sotto un cuscino di rumore che copre il suono del silenzio. Il risultato è che stiamo perdendo la facoltà di ascoltare e di ascoltarci per l’eccesso di segnali, per la bolla sonora che ci avvolge. Per cui siamo costretti ad alzare il volume giorno dopo giorno. E se lo strepito scompare di botto, andiamo in crisi di astinenza da decibel. Come succede allo stadio, quando osserviamo un minuto di raccoglimento per qualcuno o qualcosa. E precipitiamo in un vuoto abissale, una sospensione paurosa del bioritmo sociale. Che ci affrettiamo a riempire con applausi e cori.
Siamo lontani anni luce da quelle culture o da quelle religioni che prescrivono periodi di apnea acustica per entrare in contatto con una dimensione più profonda del mondo e dell’anima. A noi persone di superficie, questa profondità sembra ormai una perdita di tempo. E allora schiacciamo il tasto play.

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search