Menu & Search

Piazza e scuola per rinascere (e vincere le elezioni) – il Venerdì di Repubblica

4 Agosto 2017

Un paese senza piazza è un paese spiazzato. Un agglomerato di case e di strade senza cuore e senza testa. È quel che hanno pensato i giovani di Palomonte, una cittadina del salernitano distrutta dal terremoto del 1980 e sfigurata dalla ricostruzione. Un gruppo di millennials con in testa l’avvocato-filosofo Mariano Casciano, l’antropologo Simone Valitutto e la direttrice della biblioteca Elisa Panza, ha puntato sulla cultura per tentare di far rinascere la loro comunità. Scegliendo la piazza e la scuola come luoghi-simbolo di una lista civica che a sorpresa ha vinto le ultime elezioni  amministrative con 24 voti di scarto. Trasformando quella che sembrava una mission impossible in una scommessa politica e in un laboratorio di cittadinanza.
A ispirarli, oltre all’insegnamento del sognatore Gerardo Marotta, fondatore dell’Istituto Italiano per gli studi filosofici di Napoli, è stato l’innovativo progetto di Renzo Piano della scuola-comunità. Una sorta di nuova acropoli che, insieme agli alunni, ospiterà aree comuni e servizi per la collettività come palestra e auditorium e accoglierà perino il mercato cittadino, sotto il porticato dell’edificio. Che i ragazzi popoleranno al mattino e i cittadini al pomeriggio. Fondi ministeriali permettendo, che comunque la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli ha dichiarato di voler destinare all’impresa. Per trasformare l’utopia in realtà è stato chiamato Massimo Alvisi, collaboratore di Piano nel gruppo di Casa Italia che coinvolge tecnici della zona perché l’idea sia pienamente condivisa. Così la piazza potrà tornare a essere il centro vitale della polis, la scuola il suo motore di ricerca e la cultura il propellente per progettare un futuro migliore.

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search