Menu & Search

Instagram e il Medioevo a singolar tenzone – La Repubblica

23 Agosto 2017

«Con fede e coraggio, fratelli, in nome dell’Assunta battetevi!». E mille incappucciati si colpiscono il petto come un sol uomo con un tampone a trentatré punte. È l’attacco travolgente del più grande mea culpa dell’Occidente, quello che domenica prossima si ripeterà a Guardia Sanframondi.
Fede, umiltà e mortificazione. Sono gli unici comandamenti di questo rito che sembra una scheggia di Medioevo. Sopravvissuta a tutti i cambiamenti che la Chiesa ha imposto nei secoli alla cultura popolare. Rendendo le sue sacre funzioni sempre più astratte,disincarnate, interiorizzate.
Mentre qui il corpo è ancora l’epicentro di tutto. E parla il più arcaico e universale dei linguaggi, quello del sangue. Che durante l’intera giornata riga di scarlatto le candide tonache dei protagonisti. E impressiona l’occhio degli spettatori. Nel 2010 erano più di centomila le persone venute in cerca di emozioni forti. Con tanto di giornali e tv di tutto il mondo.
Oltre alla platea di antropologi, fotografi, film-maker e artisti in cerca del segreto di questo teatro del sangue. Alla mia équipe di ricerca, alcuni devoti dell’Assunta, coperti dal più inviolabile anonimato, hanno confidato che in realtà per loro è una grande catarsi. Una terapia di espiazione, «per noi e per gli altri. Anche per voi che venite qui a studiarci».
Mai come questa volta la schiera silenziosa dovrà affrontare il voyeurismo del villaggio globale, la curiosità indiscreta degli instagrammer, la superficialità narcisistica dei selfie-made-men. Anche questa è penitenza. Ma i bianchi, imperterriti, si sfileranno dall’ingorgo mediatico. E percorreranno solennemente le strade del borgo antico incidendosi letteralmente la passione di Cristo sul corpo. E se i loro antenati lo facevano per impetrare la pioggia e
propiziare i raccolti, loro invece ne fanno una questione più intima.
È il loro modo di sentirsi comunità. E di riallacciare il legame con la tradizione dei padri. Nel nome della Madre.

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search