Menu & Search

Ci sono volte in cui la farsa ritorna in forma di tragedia – il Venerdì di Repubblica

25 Agosto 2017

Quando la storia si ripete diventa caricatura. Ma quando a ripetersi è la caricatura, diventa tragedia.
Fino a pochi anni fa, una marcia come quella organizzata dai suprematisti bianchi il 12 agosto a Charlottesville, in Virginia, con simboli del Ku Klux Klan, slogan come blood and soil e fiaccole accese, non sarebbe stata che la grottesca parodia di un mondo scomparso, un rigurgito nostalgico. Più o meno come la surreale manifestazione dei nazisti dell’Illinois in The Blues Brothers, l’indimenticabile favola rock di John Landis. Pochi e ridicoli idioti che, nella Chicago di fine anni Settanta, continuano a prendere ordini da un pirla che si fa chiamare Obergruppenführer, con un nome da SS. E che i dioscuri del soul, John Belushi e Dan Aykroyd, liquidano come la scheggia di un passato irricevibile, ma su cui è possibile scherzare, proprio perché è sepolto per sempre. Li investono con l’auto ma soprattutto li seppelliscono sotto una risata. Invece in Virginia è andata al contrario. A essere investito e ucciso è stato un manifestante antisuprematista.
E la risata si è trasformata in un incubo delirante. A base di emblemi nazi, croci uncinate, e grida di Heil Trump. Con l’effetto di far tornare l’America indietro di cinquant’anni, ai tempi delle lotte contro la segregazione razziale. E forse ancor più lontano nel tempo, visto che i bianchi protestavano contro la rimozione di una statua del generale schiavista Robert E. Lee, comandante sudista nella guerra civile. La differenza è che ai tempi dei Blues Brothers a capo degli Usa c’era il futuro Nobel per la pace Jimmy Carter. Mentre questa è l’America di Donald Trump, eletto con i voti dei suprematisti. Che adesso presentano il conto.

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search