Menu & Search

Il dolce stil medio da insegnare alla generazione Z – il Venerdì di Repubblica

22 Settembre 2017

Restituire il futuro ai giovani. Coi tempi che corrono sembra una mission impossible . E forse lo è. Eppure bisogna provarci. E Andrea Segrè accetta la sfida di parlare alla Generazione Z. Quella che va dai 13 ai 30. Che è cresciuta a latte e tablet. Che nuota nel web come un pesce nell’acqua. Ma fuori dal mondo liquido non vede un orizzonte davanti a sé.
Eppure il futuro c’è. E l’economista dell’Alma Mater, nonché presidente di Fico, il più grande parco agroalimentare del mondo, che aprirà i battenti il 15 novembre a Bologna, lo sa bene. E prova a delinearlo nel suo nuovo libro Il gusto per le cose giuste. Lettera alla generazione Z (Mondadori, pp. 150, euro 17).
Un manifesto intelligente e pacato che propone di avere come obiettivo nella vita un “dolce stil medio” equidistante dalla bulimia consumistica come dall’antagonismo urlato e senza costrutto, ma anche dal qualunquismo del “nulla cambierà mai”. I pilastri dello stilmedismo sono la lotta allo spreco alimentare, la cura di sé, degli altri e della natura, il rispetto, la giustizia, l’equità, la sobrietà e la sostenibilità. Perché, dice l’autore, noi stiamo lasciando ai ragazzi un mondo insostenibile. E per uscirne devono scendere in campo e prenderlo loro in mano e in testa. Ma anche in pancia. Con ragione e passione, tenacia e speranza. È quel che hanno sempre fatto le generazioni per prendersi la scena della storia. Non si vede perché non possano farlo i Centennials di questo secolo. Insomma la medietà di cui parla Segrè è il contrario della mediocrità. È casomai un modo contemporaneo di coniugare talenti e sentimenti. Così il proverbiale in medio stat virtus degli antichi torna, ma in versione 4.0.

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search