Menu & Search

Molestati unitevi, ma meglio la legge della gogna – il Venerdì di Repubblica

17 Novembre 2017

Negli Usa la preoccupazione per le molestie sessuali è alle stelle. Il 69 per cento degli americani ne parla come di una vera emergenza nazionale. A dirlo è un sondaggio pubblicato in questi giorni da Gallup. Lo studio, condotto da Lydia
Saad, ha fatto un raffronto tra le inquietudini di questi giorni, dominati dal caso Weinstein e dalle rivelazioni che hanno distrutto la reputazione di Kevin Spacey, e lo smarrimento collettivo che lo stesso istituto di ricerca aveva rilevato nel 1998. Era l’annus horribilis di Bill Clinton, travolto dallo scandalo Lewinsky e denunciato da Paula Jones, un’ex dipendente dello Stato dell’Arkansas, che accusò il presidente di averla tormentata con le sue avances.
Da allora la preoccupazione è cresciuta del 19 per cento. E a rendere il quadro ancor più cupo è la sensazione che la società sia sempre più indifferente.
E addirittura mostri una pericolosa assuefazione alle violenze, fisiche e psicologiche, nei confronti delle vittime.
Eppure il problema è oggettivo, dal momento che 4 donne su 10 sono state oggetto di pesanti molestie. La vera questione è se il clamore mediatico suscitato dal caso Weinstein incoraggerà le persone a denunciare gli aggressori nella sede più appropriata, che resta l’aula del tribunale. E non si limiti ad esporli alla gogna mediatica o alla condanna della rete. E qui per fortuna i dati sembrerebbero incoraggianti, visto che adesso il 38 per cento delle donne si dice disposto a denunciare, contro il 18 per cento del 1998. Ed è un buon segnale perché la legge è l’unica arma per rendere giustizia alle vittime. E il miglior antidoto contro i polveroni social. Che non servono a nessuno e fanno male a tutti.

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search