Menu & Search

Batman e l’dentità segreta di Venezia – la Repubblica

30 Gennaio 2018

Il sindaco si traveste da Batman. E la maschera superpop copre quella istituzionale. Il risultato è un cortocircuito tra la persona e i ruoli. Sabato scorso il primo cittadino di Venezia, Luigi Brugnaro, ha dato avvio al carnevale 2018 mascherandosi da uomo pipistrello. La trovata ha suscitato reazioni vivaci e critiche feroci. Forse perché incarna, seppur non del tutto consapevolmente, l’antico spirito carnevalesco. Quello più trasgressivo. Fusionale e confusionale. Che a Venezia vanta una lunghissima durata storica. Più antica della stessa festa in cui ogni scherzo vale. In realtà i cittadini della Serenissima a partire dal Medioevo hanno fatto della maschera la loro seconda pelle.
Mettersi la bautta o la moretta era molto più che una moda. Era un vero e proprio modo di vivere. Un gioco sociale profondamente serio che aveva importanti ricadute di ordine pubblico, politico ed etico. Tali da costringere il Maggior  Consiglio della Serenissima a regolamentare in più occasioni l’uso dei mascheramenti per contenerne derive e abusi, che avevano reso la vita in città estremamente pericolosa.
Raggiri e agguati con il favore dell’anonimato crescevano esponenzialmente. E la Chiesa si vide addirittura costretta a vietare al clero di dir messa col volto coperto. Un particolare che basta da solo a far comprendere a quali eccessi si fosse arrivati. Al punto da rendere necessarie leggi che proibivano di portare una maschera sull’altra. O agli uomini di entrare nei monasteri travestiti da donne. La prima legge in materia risale addirittura alla metà del Duecento, fu emanato un editto contro i cosiddetti mattaccini, uomini che sotto le mentite spoglie di giullari, molestavano le donne. Che, a loro volta, quando andavano a teatro, soprattutto se sposate, erano tenute a indossare la maschera.
Come una sorta di velo. Insomma la funzione del mascheramento non era solo festiva, ma sociale, sia di ceto che di genere. Un rafforzativo dell’identità o al contrario un suo prudenziale occultamento.
Jean-Jacques Rousseau, che fu segretario dell’ambasciata francese a Venezia, quando era in missione diplomatica si
presentava sempre col viso celato. «Entro – racconta nelle Confessioni – mi faccio annunciare sotto il nome di “una siora maschera”. Non appena introdotto, tolgo la maschera e mi presento».
Insomma dietro la ridanciana superficialità delle nostre mascherine da Batman resta l’ombra incancellabile dell’altro
che si nasconde in ciascuno di noi. E che qualche volta riaffiora a sorpresa nei panni di un sindaco.

Article Tags
Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search