Menu & Search

Come imparare la tolleranza da un calendario – il Venerdì di Repubblica

2 Marzo 2018

Un calendario del dialogo per una scuola multiculturale. È un’iniziativa del ministero dell’Istruzione per favorire l’integrazione fra le diverse comunità, tradizioni, religioni che convivono nel nostro Paese.
In realtà il calendario è il bioritmo di una civiltà, ne scandisce le ore e i giorni, il tempo del quotidiano e soprattutto quello della festa. Natale, Pasqua, Ognissanti, l’Immacolata, il 25 aprile, il Primo maggio. Per noi questa successione di ricorrenze è talmente scontato da sembrare naturale. Ma il nostro tempo non corrisponde a quello di altri popoli.
Basti pensare alle date del Natale. Che per i cattolici cade il 25 dicembre mentre per gli ortodossi, il 7 gennaio. Senza parlare della solennità islamica che ricorda la nascita di Maometto il 1° dicembre. O al giorno del risveglio buddista, quello in cui Budda ricevette l’illuminazione, che è l’8 dicembre. Ormai in una società come la nostra, sempre più mescolata, comunicante, dove persone con usi, costumi, religioni diverse condividono gli stessi spazi è necessario conoscere e riconoscere anche i tempi degli altri. Così il Miur ha elaborato un calendario della convivenza sincronizzando quello scolastico con quello liturgico delle diverse chiese, con i lunari delle comunità ebraiche, islamiche e di altre religioni (www.noisiamopari.it) . È una mappa, dice la ministra Valeria Fedeli, «che riconosce festività civili e/o religiose consolidate, ma che al tempo stesso intende portare ad evidenza il significato che altre feste hanno per chi le osserva».
Il risultato è un prezioso almanacco delle coincidenze e delle differenze. Perché la conoscenza è la premessa della tolleranza.

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search