Menu & Search

Quel lessico famigliare dell’identità italiana – la Repubblica

1 Aprile 2018

Adesso per la scena italiana il Novecento si è veramente chiuso. Con Luigi De Filippo scompare l’ultima grande dinastia del nostro teatro, erede delle grandi famiglie della Commedia dell’Arte, gli Andreini, i Riccoboni, i Biancolelli, i Fiorillo e, più di recente, i Rame, che con i loro volti e gesti, tic e lapsus, lazzi e piroette hanno disegnato la fisionomia del nostro paese.
E Luigi non faceva eccezione alla regola. Si presentava sul palco con quella faccia un po’ così, quell’espressione un po’ così che avevano tutti i De Filippo. Dimessi e potenti, qualche volta perfidamente prepotenti come Eduardo. O chirurgicamente caustici come Peppino. O platealmente genitoriali come Titina. O eternamente figli come Luca. O sommessamente ironici come Luigi. L’insieme di questi caratteri è il riepilogo scenico della trama morale e civile dell’Italia. Che proprio sulle tavole del teatro — tra drammae melodramma, farsa e commedia — tutto tranne che tragedia — trova la sua espressione più compiuta.
Facendo affiorare quella verità nascosta in fondo a noi stessi, che solo la maschera riesce aportare alla luce. E che all’estero coglievano benissimo, al di là di ogni barriera linguistica. In Russia per gli spettacoli di Eduardo le file ai botteghini erano interminabili e l’accoglienza trionfale. Proprio perché il pubblico vi riconosceva la quintessenza familiare e a volte familista del Belpaese. Che sulla scena faceva cortocircuitare pubblico e privato. Sentimento e risentimento. Talento e scontento. «Noi De Filippo abbiamo portato la vita in scena», aveva detto di recente Luigi. Che parlava sempre a nome della famiglia, unita al di là delle divisioni personali, da un’identità problematica e teatrale, proprio come quella italiana. Continuamente messa in discussione ma sempre iconica, proverbiale, paradigmatica. Non a caso i detti e contraddetti di Eduardo e Peppino sono entrati nel lessico famigliare del Belpaese.
A cominciare dagli eduardiani “Gli esami non finiscono mai”, “Te piace o’ presepe?” e “Adda passà a’nuttata” che hanno illustrato profeticamente gli effetti della mutazione antropologica del Paese, ben prima di Pasolini. Fino ai tormentoni di Peppino. Come “ho detto tutto” o la “carta d’indindirindà” che del carattere nazionale mostravano il lato istrionico, farsesco, inconsapevolmente eversivo, cifrato nella prosopopea stralunata di Pappagone. O di Antonio
Mazzuolo, l’integralista cattolico alle vongole delle Tentazioni del Dottor Antonio di Federico Fellini. Insomma i De Filippo hanno rappresentato le metamorfosi della società italiana, vista attraverso quel doppio concentrato d’italianità che è Napoli.

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search