Menu & Search

Nasce di (auto)scatto il patto sociale tra selfie-made men – il Venerdì di Repubblica

31 Agosto 2018

Una volta erano i paparazzi a tampinare i politici per coglierli di sorpresa e inchiodarli alla loro immagine. Oggi i rappresentanti del popolo si paparazzano da soli.
E si postano in tutte le pose. Di recente hanno fatto discutere il selfie di Salvini ai funerali delle vittime di Genova e quello balneare di Toninelli a pochi giorni dal crollo. Il fatto è che nell’era dell’autocontemplazione di massa, l’autoscatto è diventato un prolungamento genetico dell’io, trasformando la rotazione della fotocamera degli smartphone in una sorta di proboscide digitale sempre rivolta su di sé. E proprio come gli elefanti si spruzzano acqua per rinfrescarsi, i politici rinfrescano, anzi “refreshano” il loro profilo. Ma qui siamo anche oltre. In questo misto di narcisismo e opportunismo c’è un fondo arcaico che ha a che fare con la mitologia del doppio, cioè la moltiplicazione della persona nei simulacri che la rappresentano, cosa che i potenti hanno sempre fatto, con immagini, statue, ritratti, monumenti, effigi. Ma questa mitologia antica adesso sbatte clamorosamente contro i cristalli liquidi dell’immaginario collettivo. E produce un cortocircuito tra rappresentanza e rappresentazione.
I politici, ovviamente, sfruttano a pieno regime questa potenzialità di viralizzazione di sé. Che trasforma l’immagine in una onnipresenza del leader concreta, reale e tangibile. Un secondo corpo, un doppio che l’autoscatto digitale fa volare sulle onde del web aumentando in maniera esponenziale lo share del capo. E misurandolo in pollici di gradimento. Ed è proprio questa complicità, popolare e populista, tra eletti ed elettori che sta scrivendo un nuovo patto sociale tra selfie-made men.

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Type your search keyword, and press enter to search