Menu & Search

Generazione X, l’identità (e il sesso) multitasking – il Venerdì di Repubblica

28 Settembre 2018

Niente sesso siamo newyorchesi. Dal prossimo primo gennaio i cittadini della Grande Mela che non si sentono né uomini né donne potranno indicare la loro identità di genere con la X. Così mentre da noi i familisti al gorgonzola invocano il ritorno di mamma e papà, per esorcizzare lo spettro del genitore 1 e 2, nel Paese che spesso anticipa il nostro futuro, si guarda avanti.
Il City Council, il Consiglio comunale della capitale dell’Occidente, ha approvato a stragrande maggioranza, 41 a 6 con il voto favorevole del sindaco Bill de Blasio, una legge che consente agli adulti di cambiare l’indicazione del sesso sui documenti ufficiali. E ai genitori di indicare quello dei loro figli con l’incognita, in attesa che siano loro a scegliere chi essere, quando avranno l’età per farlo. Ma anche a non scegliere, per rimanere svincolati da una visione sessista e binaria dell’essere. La stessa cosa avviene già in California, Oregon, Washington D.C. e New Jersey.
La decisione riflette una concezione dell’identità personale sempre più dinamica, plurale, multitasking. Che ha origine dalla cultura e non dalla natura, visto che la veranatura umana è la cultura. Lo rivelano le ricerche degli antropologi su quei popoli dell’Africa, dell’Asia e dell’Oceania dove da sempre una donna sterile, ma non necessariamente, ha il diritto di essere considerata socialmente maschio e sposare un’altra donna. Per diventare “padre” dei figli che la sua metà genera con un donatore di seme. Insomma se da noi l’idea di una grande virtualità genitoriale è fonte di smarrimento e ragione di polemica, ci sono società che hanno affrontato la questione in anticipo. Sperimentando modi nuovi e diversi di essere genitori.
E, in generale, di essere persone.

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search