Menu & Search

Da Pordenone sette password per il futuro – il Venerdì di Repubblica

6 Settembre 2019

Sette parole per i prossimi vent’anni. È il regalo che Pordenonelegge, la Festa del Libro con gli autori (18-22 settembre), si fa e ci fa per festeggiare il ventesimo compleanno. Razza, paura, bellezza, sessualità, amicizia, mito, musica, sono i lemmi scelti dagli organizzatori, Gian Mario Villalta, Paolo Garlini e Valentina Gasparet, come password in grado di aprire i file più urgenti del nostro tempo in transizione. Del resto, basta scorrere l’elenco per cogliere la crucialità dei temi che saranno trattati dagli scrittori: Antonia Arslan, Lucetta Scaraffia, Elisabetta Moro, Nadia Fusini, Guido Barbujani, Carlo Boccadoro e altri.
A sottolineare la centralità della cultura come fattore di civiltà e di sviluppo, Pordenone sarà presidiata da sagome delle lettere dell’alfabeto, tre metri di altezza per tre quintali di peso. A conclusione della manifestazione queste immense sentinelle del logos verranno sistemate in un parco cittadino. E chiunque, privati, organizzazioni, imprese, potrà adottarne una e vedere il suo nome inciso sulla base dell’opera. Come dire che le lettere sono la materia prima delle parole, cioè delle chiavi per la conoscenza e la trasformazione della realtà, strumenti dell’essere e del benessere.
Che il Festival friulano sia una straordinaria fabbrica di cultura lo mostrano le cifre, che testimoniano l’impatto sociale ed economico della manifestazione. Diventata, con i suoi 130 mila visitatori da ogni Paese, interfaccia tra la città friulana e il mondo, una macchina capace di autofinanziarsi e di distribuire ricchezza. Si calcola che per ogni euro investito sulla festa, ne tornino più di sette distribuiti tra città e provincia. In più, l’80 per cento dei visitatori acquista almeno un libro e il grado di soddisfazione espresso dal pubblico è di 8,5 su 10.
Insomma, la cultura produce valore e plusvalore.

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search