Menu & Search

Dalle passerelle al tinello mi manda pitone – il Venerdì di Repubblica

4 Ottobre 2019

Leopardato o tigrato, zebrato, pitonato o maculato. Con le collezioni 2019- 2020, il fashion torna a prendere ordini dalla giungla. In realtà l’animalier non è mai scomparso del tutto dalle passerelle e dai guardaroba. Come dire che, da che moda è moda, gli stilisti non hanno mai smacchiato il leopardo.
Non a caso lo stile sexy e aggressivo da pantera profumata è un evergreen dell’eleganza. Fin dal tempo degli antichi Greci, che lo chiamavano zoote, questo mélange di natura e di civiltà, di raffinatezza e di selvatichezza esercita un appeal irresistibile.
Forse perché è un simbolo di sensualità e aggressività, di potenza e prepotenza. Roba da donne che non devono chiedere mai!
In fondo i primi umani si sono vestiti di pelli non solo per necessità, ma anche per comunicare qualcosa di sé stessi usando il linguaggio della natura, identificandosi con questa o quella specie. Forse proprio per questo la Maddalena, la peccatrice per eccellenza, viene spesso ritratta con mantelli leopardati. E come lei numerose cortigiane celebri. Molto maculate e poco immacolate. E per la stessa ragione animaleggiano le pin up novecentesche come Bettie Page, nota come Jungle Bettie. E più tardi icone sexy come Marilyn. La stessa haute couture non si è mai tirata indietro. Dagli storici modelli della Maison Dior, come Afrique e Jungle, a quelli più recenti di Versace, Cavalli e di John Galliano. Ma adesso l’animalier va oltre e si spalma sul nostro quotidiano, dai cuscini ai tappeti, dai piatti agli occhiali da sole. È un fenomeno che va al di là della semplice moda. Perché entra letteralmente in noi, come una seconda natura che interiorizza la legge della giungla. Facendo balenare quell’istinto dominante e aggressivo che dorme come un felino nell’immaginario del nostro tempo.

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search