Menu & Search

L’amore trionfa almeno sulla carta – il Venerdì di Repubblica

18 Ottobre 2019

Scrivere per amore o scrivere dell’amore. Non fa molta differenza, perché si tratta in entrambi i casi della fiamma che accende la vita. È per questo che gli antichi consideravano Eros il più potente di tutti gli dèi. Tutto quel che conosciamo dell’amore, diceva la grande scrittrice Emily Dickinson, è che l’amore è tutto. E su questo tutto, che ciascuno sente e che nessuno sa spiegare, si versano da sempre fiumi d’inchiostro, nella speranza che quella corrente che travolge, destabilizza e guarisce resti impigliata nella rete delle nostre parole.
Per questo, da che mondo è mondo scriviamo d’amore e per amore.
E una festa della scrittura amorosa non poteva avere epicentro migliore di Verona, la città di Giulietta e Romeo, i due amanti più celebri di ogni tempo. Che al tema ha dedicato il bellissimo premio letterario Scrivere per amore, nato nel 1996. E che da quest’anno (fno a domani, 19 ottobre) diventa un vero e proprio Festival del discorso amoroso.
All’appello degli organizzatori – il Club di Giulietta, il Comune di Verona e la Fondazione Pordenonelegge – e della giuria presieduta da Michela Marzano, ha risposto un folto gruppo di autori. Che in questi giorni si ritrovano nella città dei Montecchi e dei Capuleti, insieme a giornalisti, poeti e scrittori del calibro di Leonetta Bentivoglio, Gian Mario Villalta, Flavio Ermini, Giulia Rusconi per parlare tutti insieme delle emergenze e delle conseguenze dell’amore.
Scrivere per amore si concluderà domani sera al Teatro Nuovo (Piazza Viviani) quando i finalisti dialogheranno con i giurati, Andrea Marcolongo, Eliana Liotta, la presidente Marzano e il sottoscritto. Con la proclamazione del vincitore l’amore trionferà. Almeno sulla carta. E non è poco.

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search