Menu & Search

Di cosa parliamo quando parliamo di futuro – il Venerdì di Repubblica

25 Ottobre 2019

Quest’anno il Festival Conversazioni sul futuro di Lecce si è presentato come Dio comanda. È iniziato ieri e andrà avanti fino a domenica. Cento appuntamenti, duecento ospiti, un esercito di volontarie e volontari, la partecipazione di Amnesty International Italia, dell’Università del Salento, della Regione Puglia, dell’Apulia Film Commission e di Liberrima, libreria ufficiale della manifestazione. Per un fittissimo calendario di incontri, dibattiti, proiezioni, presentazioni, mostre, concerti.
Le barocche location di quella straordinaria città-teatro che è Lecce ospitano un parterre de roi. Il Premio Pulitzer David I. Kertzer, l’artista Michelangelo Pistoletto, il direttore dell’Espresso Marco Damilano, Susanna Tartaro, scrittrice e curatrice di Fahrenheit (Radio 3), Carlo Bonini di Repubblica, il direttore di Il Post Luca Sofri.
Insieme a testimoni di battaglie civili fondamentali per il nostro paese come Valentina Imbrogno, compagna di Dj Fabo, e le famiglie Regeni e Cucchi. A costruire questa fabbrica di pensiero è l’associazione Diffondiamo idee di valore, coordinata da Gabriella Morelli con l’aiuto di Annalisa Gaudino, Valentina Attanasio e Pierpaolo Lala. Perché il futuro non va atteso come un fenomeno della natura, ineluttabile e inesplicabile. Ma va prima di tutto pensato, immaginato, sognato. E talvolta scongiurato, soprattutto quando si presenta con il suo volto più apocalittico.
Non a caso, mentre l’Amazzonia brucia si parlerà di emergenza climatica con Carlos Bocuhy, presidente del Proam, Istituto brasiliano per la protezione dell’ambiente. E una serie di conversazioni sul food ci darà suggerimenti su come alimentare buoni propositi. Perché è chiaro che i nostri comportamenti a tavola eserciteranno un’influenza sempre più diretta sul corpo e sulla mente del Pianeta. Se ci pensiamo oggi, il nostro domani sarà migliore.

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search