Menu & Search

Rendiamo liscio il futuro dell’olio italiano – il Venerdì di Repubblica

22 Novembre 2019

Adesso l’olivicoltura potrebbe diventare un bene culturale. Prima dell’Italia e poi del mondo intero. L’Associazione nazionale città dell’olio ha infatti iniziato le pratiche per il riconoscimento dell’importanza di questo simbolo millenario della civiltà e della dieta mediterranea da parte del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali e in seguito dell’Unesco. E per fare il punto ha convocato gli stati generali dell’olio, che si riuniranno a Siena il 29 e 30 novembre. L’incontro, che si terrà nello splendido complesso di Santa Maria della Scala, ha un titolo eloquente, Olio 2030 costruire il futuro. Secondo gli ideatori, Enrico Lupi e Antonio Balenzano, rispettivamente presidente e direttore dell’Associazione – che festeggia 25 anni – è urgente creare una cultura diffusa dell’olio, una nuova narrazione che integri gli sforzi dei coltivatori, dei produttori e dei tecnici, al fine di valorizzare un patrimonio che rappresenta la sintesi delle civiltà affacciate sul Mare Nostrum.
Dove ambiente e società, religioni e tradizioni, economie e filosofie si sono costituite intorno all’emblema dell’olivo. Il cui valore era tale che nell’antichità era sacro e si giurava sugli ulivi come noi sulla Bibbia. Dono degli dei nel mondo pagano. E del dio incarnato in quello cristiano. Il nome Cristo, infatti, significa letteralmente unto. Esattamente come Messia, dall’ebraico Masiah. Dall’Italia alla Grecia, dalla Croazia alla Spagna, l’albero dalla chioma d’argento è diventato il simbolo stesso del paesaggio mediterraneo. E delle sue cucine, che hanno fatto dell’olio il loro plusvalore gastronomico e dietetico. In grado di conciliare gusto e salute. Adesso servono informazione e formazione per compiere il passo ulteriore. E trasformare l’eredità del passato in investimento sul futuro. Perché oggi come non mai, cultura ed economia sono indispensabili allo sviluppo del Food Europa.

Avatar
Marino Niola
Related article
Se l’uomo tace ascoltiamo gli animali – la Repubblica Cultura

Se l’uomo tace ascoltiamo gli animali – la Repubblica Cultura

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Siamo gente alla mano. Ma senza strette – il Venerdì di Repubblica

Siamo gente alla mano. Ma senza strette – il Venerdì di Repubblica

Il coronavirus ha messo in quarantena la cordialità italiana. Causando…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Type your search keyword, and press enter to search