Menu & Search

La pigrizia è un’arte, parola di Seneca e Agatha Christie – il Venerdì di Repubblica

28 Luglio 2017

I più pigri del mondo sono gli indonesiani. Lo dice una ricerca dell’Università di Stanford che ha contato i passi dei cittadini di 111 Paesi. L’indagine si basa sul responso degli accelerometri degli smartphone. Quei dispositivi, geniali o infernali decidete voi, che misurano in tempo reale tutti i nostri parametri vitali.
Nella hit noi italiani siamo al tredicesimo posto, con 5.296 passi al giorno su una media mondiale di 4.961. A metà fra i 3.500 dei bradipi indonesiani e i 6.880 delle lepri di Hong Kong, che i ricercatori considerano i più in forma del Pianeta. E così la pigrizia è ridotta a una serie di misurazioni biometriche, messe in relazione con variabili come l’obesità, ma anche con il numero di aree pedonali e piste ciclabili. Sarebbe più giusto allora parlare di attività fisica.
O di movimento. Mentre la pigrizia, parente stretta dell’ozio, è uno stile di vita. Addirittura un’opzione morale. Così la vedeva la grande scrittrice Agatha Christie, che considerava indispensabile al progresso umano un giusto mix di ozio e di pigrizia. Il ritratto di Hercule Poirot. Non è fancazzismo, per carità, ma qualcosa di simile all’ozio contemplativo di Seneca e di altri grandi autori classici. Per questi cervelloni il concetto di attività riguarda soprattutto i neuroni. Altrimenti i meno pigri del mondo sarebbero i commessi viaggiatori. E se Stanford dà un colpo
al cerchio, l’Università della Florida lo dà alla botte, con uno studio dal quale emerge che i pigri sono più intelligenti, perché pensano di più e corrono di meno. Adesso manca solo una nuova indagine per rimettere insieme mens sana e corpore sano .

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search