Menu & Search

Poveri e obesi, i nuovi paria del villaggio globale – il Venerdì di Repubblica

23 Marzo 2018

Nel 2022 al mondo ci saranno più bambini e adolescenti obesi che sottopeso. A lanciare l’allarme è uno studio dell’Imperial College di Londra e dell’Oms che ha analizzato l’indice di massa corporea di circa 130 milioni di soggetti. Secondo i ricercatori, negli ultimi quaranta anni l’obesità tra gli under 20 è aumentata di ben dieci volte. Soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, in Asia, Africa e America Latina. Nonché tra i ceti meno abbienti dei Paesi ricchi come gli Usa.
E l’Italia è investita in pieno da questo tsunami lipidico, soprattutto al Sud, dove il reddito pro capite è tra i più bassi
d’Europa. Insomma, l’obesità è un’epidemia sociale prima ancora che individuale. È una malattia selettiva che colpisce i soggetti più deboli, meno garantiti, meno alfabetizzati e con minor potere d’acquisto. Così se una volta i poveri erano infelici e magri, oggi sono infelici e grassi. Un tempo malnutriti per difetto, oggi malnutriti per eccesso. Allora perché mangiavano troppo poco, oggi perché mangiano troppo male. Il che fa degli obesi i nuovi paria del villaggio globale. Vittime predestinate dell’industria del junk food, di cui sono peraltro i principali finanziatori. Ma al tempo stesso maltrattati, stigmatizzati e discriminati. Oggetto di una triplice condanna, etica, dietetica ed estetica.
E, come se non bastasse, anche economica. Visto che gli oversize trovano lavoro più difficilmente e, a parità di mansioni e abilità, vengono pagati meno dei normopeso. Molte ricerche, infatti, fanno affiorare una drammatica correlazione tra disoccupazione e obesità. Insomma se per secoli abbiamo combattuto la scarsità. Oggi dobbiamo imparare a governare l’abbondanza.

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search