Menu & Search

Saggi i Greci, parlavano di vita e non di giro vita – il Venerdì di Repubblica

5 Luglio 2019

Con i primi caldi torna anche la paura di affrontare la prova costume. L’idea di dover mostrare senza infingimenti le proprie nudità, scatena epidemie di dismorfofobia, la sindrome della bruttezza immaginaria. E allora la dieta diventa il rito stagionale per uscire dall’inverno del nostro scontento calorico.
Che ci fa sentire in colpa con la coscienza e con la bilancia. E per soddisfare la nostra domanda di magrezza e di purificazione si mette in moto un esercito digitale di dietologi fai-da-te, falsi scienziati e autentici lestofanti, venditori intraprendenti e guru sedicenti, che sono la versione web dei ciarlatani d’antan, come il Dulcamara dell’Elisir d’amore di Donizetti, il dottore farlocco che campa vendendo bufale. In realtà questa schiera di pseudo-specialisti lucra alla grande sul nostro bisogno di bellezza e di salute. Chi riempie palazzetti dello sport, chi millanta i miracoli del riso, chi esalta i prodigi della curcuma, chi decanta le virtù dei limoni. E chi garantisce scorciatoie chetogeniche per snellezze impossibili. Così la dieta si riduce a una penitenza momentanea per garantirsi ventri piatti e addominali a tartaruga.
Siamo a distanze siderali dal significato autentico della parola, che viene dal greco antico diaitae che significa modo di vivere. E indicava un comportamento non esclusivamente alimentare. Mentre le nostre diete si risolvono in un controllo meramente quantitativo del peso e delle misure. Insomma, i Greci parlavano di vita, noi di giro vita.
Ecco perché le privazioni che ci infliggiamo, istigati da questi consulenti fraudolenti, alla fine non producono che ansia, frustrazione e depressione.
E quel che è peggio, malnutrizione. Aveva decisamente ragione Mark Twain quando raccontava di essere stato a dieta quindici giorni. E a chi gli chiedeva quanto avesse perso, rispondeva papale papale: «Quindici giorni». Più chiaro di così!

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search