Menu & Search

Quando il rito da artificiale diventa digitale – il Venerdì di Repubblica

29 Dicembre 2019

Mancano solo quattro giorni alla notte di Capodanno e prima ancora dei botti sono scoppiate le polemiche. Fuochi sì, fuochi no, fuochi come. Si moltiplicano decaloghi e tutorial sul petardo sostenibile, su come far fuoco e fiamme senza spaventare umani e animali. Qualche Comune li ha vietati e qualche altro, come Guidonia, ha addirittura invitato i cittadini a filmare i trasgressori.
Ma c’è da giurarci, anche il 2020 verrà salutato dalla consueta fiammata pirotecnica. Perché da che mondo è mondo gli umani hanno sempre festeggiato i passaggi stagionali facendo luce e rumore. Perché il primo è simbolo di purificazione, brucia i residui del passato, mentre il rumore in origine serviva a spaventare le potenze del male.
Con l’invenzione della polvere da sparo, a produrre fulgore e fragore è la pirotecnia che, nonostante l’origine cinese di girandole e bengala, trasforma il rito scaramantico in arte tutta italiana. Con l’aiuto di geni come Michelangelo, Pietro da Cortona e Gian Lorenzo Bernini, autori di architetture incendiarie che trasformavano monumenti come Castel Sant’Angelo in vulcani tonanti e fiammeggianti. Dando così inizio al made in Italy del botto. In realtà razzi, castagnole e cascate di scintille colorate, tremolanti, luccicanti erano e restano il simbolo stesso della festa. Segno che l’arcaico richiamo del fuoco è difficile da spegnere. Perché è un basic instinct che viene da lontano. Dal fuoco sacro delle Vestali a quello agonistico delle Olimpiadi, dalle fiaccolate per la pace fino al nostro San Silvestro. E se adesso qualche amministrazione sostituisce i botti con i droni luminosi sarà l’estrema metamorfosi di un rito millenario. Che per rendere meno pericolosa l’esplosione di gioia trasforma i fuochi artificiali in fuochi digitali.

Avatar
Marino Niola
Related article
Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Le asettiche parole non bastano più – il Caffè

Il linguaggio prima di significare qualcosa, significa per qualcuno, diceva…

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

La tana degli affetti perduti – Il Caffè

Strade vuote e case piene. Il coronavirus cambia le nostre…

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Il corpo sociale è molto più a rischio – il Caffè

Se non altro non li manifestiamo perché, almeno un po’,…

Discussion about this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Type your search keyword, and press enter to search